Ariemma il prof tra filosofia e serie tv | Intervista esclusiva - Smash News
8754
post-template-default,single,single-post,postid-8754,single-format-standard,qode-news-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Ariemma il prof tra filosofia e serie tv | Intervista esclusiva

Il libro di Tommaso Ariemma meriterebbe di essere inserito tra i titoli dei libri scolastici, perché con i suoi studi riesce finalmente a far appassionare i giovani ad una materia che, di solito, viene considerata boriosa e poco interessante.

Tommaso Ariemma è un professore di Filosofia che insegna ad Ischia, ma ha deciso di insegnare la filosofia ai suoi studenti in maniera originale e, sicuramente, molto più interessante rispetto al metodo tradizionale, ovvero, utilizzando le serie tv.
Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e ci siamo appassionati al suo metodo, che unisce filosofia e serie tv, coinvolgendo i ragazzi perfino a creare videoclip ispirati al cinema. L’ispirazione nasce dalla sua esperienza di docente universitario all’Accademia di Belle Arti di Lecce, dove per molti anni si è occupato dell’estetica nelle serie tv. Una volta tornato a insegnare alle scuole superiori, aveva già un’arma importante da usare per incuriosire i ragazzi, facendoli così appassionare alla filosofia.

Attualmente la serie più amata dal pubblico è Game of Thrones e, subito dopo Lucca, Ariemma è stato a Perugia al Dipartimento di Giurisprudenza a discutere dell’argomento: infatti, GOT è per lui una serie tv molto ricco di elementi di studio, con un grande archivio della cultura di massa, in cui troviamo riferimenti a più serie: elemento fantasy, non morti, storie d’amore, è in pratica una sorta di grande Crossover e un mix davvero interessante per chi come lui si interessa di filosofia e serie tv.

Nel caso del suo ultimo libro, Got è accostata alla filosofia di Machiavelli e Hobbes, essendo questi filosofi politici per eccellenza; inoltre, Machiavelli viene esplicitamente citato all’interno dell’affermata serie tv, come avviene nell’episodio delle nozze rosse, segno che la filosofia può essere uno stimolo per chi fa sceneggiatura di serie tv e non solo per i ragazzi. In questo senso la filosofia diventa il mezzo per trovare un elemento sconvolgente all’interno della narrazione.

Tra i filosofi preferiti di Ariemma, naturalmente, ci sono Platone e Aristotele, mentre per quanto riguarda la filosofia contemporanea ama molto i filosofi francesi, in particolare Gil Deleuze, che ha dato il nome alla Popfilosofia, teorizzando un ibridizzazione tra filosofia e cultura di massa, vista solitamente come qualcosa di poco conto.

Nella cultura di massa c’è pensiero, qualità della narrazione che non ha nulla da invidiare a cinema e romanzi, che ritroviamo usati come elementi anche in serie tv. Ad esempio in Lost si ha un omaggio a Charles Dickens e a Hume.

Tra gli elementi analizzati vi è la servilità, la quale tenta qualcosa, forza il pubblico che viene spinto a seguire a lungo una serie tv, guardare molte stagioni come con Lost e Got.

Ascoltare Ariemma parlare del suo lavoro, di come riesce a catturare l’attenzione dei suoi studenti, fa venire voglia di tornare a scuola e seguire le sue lezioni. La passione e il trasporto con cui parla dei suoi studi è tale che ipnotizza l’interlocutore e viene spontaneo domandarsi come sia per lui guardare un film o una serie tv, se ogni volta finisce per associarlo a ciò che ha studiato: ci dice che aviene inconsciamente a chiunque e ci fa l’esempio di Breaking Bad, di cui un episodio è stato per lui una vera e propria lezione di Arte Contemporanea.

Come ci spiega Ariemma durante l’intervista, la filosofia può essere associata o spiegata un po’ in tutti i campi; in passato il prof ha pubblicato testi accademici in cui parlava della cultura giapponese dell’Otaku (ossessione per i manga): il Giappone, con i suoi manga, ha sviluppato una grande servilità e perfino nel cinema americano ci sono citazioni tratte da questi.

Ariemma ha senza ombra di dubbio rivoluzionato la scuola, il suo metodo d’insegnamento è moderno, all’avanguardia e segue l’evolversi della società: al centro di tutto stanno le storie, circondate da professori e studenti che le elaborano e gli fanno prendere vita. Il prof incuriosisce i suoi studenti, li stimola facendo cercar loro citazioni filosofiche all’interno delle varie serie tv, gli fa creare video interamente organizzati e sceneggiati da loro, che per esporli si basano costantemente sulle serie tv e i loro contenuti didattici.

  • Editore:Mondadori
  • Collana:Comefare
  • Data di Pubblicazione:giugno 2017
  • EAN:9788804680505
  • ISBN:8804680504
  • Pagine:140

Tommaso Ariemma (Napoli 1980) è un pop-filosofo e professore di Filosofia al liceo. Già docente di Estetica presso le Accademie di Belle Arti di Lecce e Perugia, ha dedicato numerosi volumi al rapporto tra arte, corpo e media nella società contemporanea.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

#Follow us on Instagram