Damiano dei Maneskin: "La gente dice che me la tiro, io debutto a XFactor con Chosen (Prescelto)" - Smash News
7498
post-template-default,single,single-post,postid-7498,single-format-standard,qode-news-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Damiano dei Maneskin: “La gente dice che me la tiro, io debutto a XFactor con Chosen (Prescelto)”

Damiano dei Maneskin: “La gente dice che me la tiro, io debutto a XFactor con Chosen (Prescelto)”

Il cantante della band di XFactor non le manda a dire: “Chosen è la risposta a chi mi ha sempre detto che sono troppo presuntuoso”
[minti_image]
I Maneskin sono senza dubbio una delle migliori scoperte di questa 11esima edizione di XFactor, quasi giunta al termine. La band di Roma, che si auto definisce supercoatta, è composta da giovanissimi: quattro ragazzi tra i 16 e i 18 anni.
Il nome della band deriva da una parola danese – nazionalità di Vittoria, la bassista – che significa “chiaro di luna“. Una parola scelta di fretta anni fa, per trovare un nome con cui presentarsi ad un concorso, ma che è rimasta e sta imponendo sempre di più la propria presenza.
In foto, a sinistra Thomas (chitarra), Vittoria (basso) hanno fondato la band a cui si sono aggiunti Damiano (voce, in alto) e Ethan (batteria, a destra).
[minti_image img=”7505″ align=”center” style=”image_box_rounded”]

E guai a confondere la loro giovane età per inesperienza…
“Siamo quasi maniacali nella ricerca dei dettagli” racconta Damiano “Abbiamo deciso che è questo che vogliamo fare. Siamo sicuri di noi perchè sappiamo quante ore di prove ci sono dietro. La nostra sicurezza sul palco nasce da lì.”

L’inedito Chosen presentato a XFactor è una loro canzone, composta prima di iniziare il percorso nel programma Sky. Con l’aiuto del coach del loro team Manuel Agnelli è stata perfezionata e nel giro di qualche ora ha conquistato la prima posizione su iTunes.

 

Damiano, che si occupa della stesura dei testi, dice: “Il brano parla di me, è un brano autocelebrativo. Sono diciotto anni che mi sento dire che mi do delle arie, che me la tiro… questa canzone è una sorta di risposta. E’ una canzone totalmente arrogante e presuntuosa, è tutte le cose che ci criticano”

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

#Follow us on Instagram