Alla scoperta delle tradizioni natalizie in Europa. - Smash News
7633
post-template-default,single,single-post,postid-7633,single-format-standard,qode-news-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Alla scoperta delle tradizioni natalizie in Europa.

Alla scoperta delle tradizioni natalizie in Europa.

 

Il mese più magico dell’anno è arrivato: Dicembre ha bussato alle porte di ogni casa, accompagnato dall’aria natalizia. Questa festa, celebrata in varie parti del mondo, affonda le proprie radici in un’atmosfera di affetto, fraternità e generosità. I sentimenti sono gli stessi, ma i modi di festeggiare variano di luogo in luogo. Diamo un’occhiata alle tradizioni più vicine a noi.

La prima tappa nel nostro viaggio è l’Inghilterra. I preparativi per il Natale cominciano già nel mese di novembre, ma l’albero viene addobbato soltanto il giorno della Viglia di Natale, il 24 dicembre, e viene lasciato così soltanto per 12 giorni, per superstizione. Il 24 dicembre è usanza accendere un ceppo e cercare di farlo durare il più possibile, conservandone poi un pezzo da utilizzare il Natale successivo. Tradizionali sono anche i Christmas Carols, canti natalizi che famiglie o gruppi di amici vanno a cantare di casa in casa. Il dolce tipico è il Christmas Pudding, al cui interno viene nascosta una monetina: chi la trova avrà la fortuna dalla propria parte nell’anno nuovo. Un’altra particolarità che non abbiamo ancora importato in Italia è quella dei Christmas Crackers, si tratta di “caramelle giganti” che vanno tirate alle estremità per far sì che si aprano; al loro interno ci sono dolciumi, piccoli giocattoli e coroncine di cartone.

 

 

Ci spostiamo ora in Germania, dove sono i mercatini di Natale a farla da padroni: ce ne sono più di 2500, ognuno nel proprio stile, e solitamente sono aperti dal primo dicembre al giorno della Vigilia. In lingua originale vengono chiamati Weinachtsmarkt o Christkindlmarkt. In Germania le letterine a Gesù Bambino vengono cosparse di zucchero e vengono posizionate sui davanzali delle finestre la sera del 24 dicembre. Il dolce tipico è il Christsrollen, molto simile al nostro Panettone. Secondo la tradizione, l’albero di Natale è illuminato non da lucine, ma da vere e proprie candele. In alcune famiglie capita che siano i genitori ad addobbare una stanza e a chiuderla a chiave una volta pronta; in seguito viene suonata una campanella e i bambini, sentendo il richiamo, possono correre ad aprire la stanza e osservare le decorazioni e l’albero.

 

 

In Spagna le feste natalizie cominciano il 22 dicembre con il sorteggio della Lotería de Navidad che viene trasmessa da tutte le emittenti radiofoniche e televisive. I numeri estratti vengono letteralmente cantati dai bambini del Collegio de San Idelfonso. Durante la notte del 24 dicembre è usanza cantare i villancicos, canti che non sono soltanto felici, ma anche malinconici, l’importante è che esprimano sentimenti profondi. La maggior parte dei regali non viene portata da Babbo Natale, ma dai Re Magi nella notte tra il 5 e il 6 gennaio. In questa occasione si mangia il Roscón de Reyes, un dolce decorato da zucchero e frutta secca, all’interno viene nascosto un pupazzetto o un piccolo giocattolo: il bambino che lo trova diventa il re della festa.

Le famiglie francesi preparano un presepe formato da piccole statuette d’argilla chiamate santouns che ritraggono personaggi del proprio paese, come il parroco, le maestre, il panettiere…La figura preferita dei bambini è quella del piccolo Ravi, un personaggio che fa luce verso il sentiero in direzione del presepe con una lanterna. I bambini ricevono i doni da Gesù Bambino o da Pere Noel accompagnato dal suo assistente Pre Fouettard che ricorda quali bambini si sono comportati bene durante l’anno e quali no. I dolci tipici sono il Bûche de Noël , un fagotto al cioccolato, e il Galette des Rois, un dolce di pasta sfoglia ripiena di crema di mandorle con all’interno una figurina di gesso colorata che porta fortuna a chi la trova.

 

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

#Follow us on Instagram