Tell Me You Love Me: alla scoperta del nuovo album di Demi Lovato. - Smash News
5880
post-template-default,single,single-post,postid-5880,single-format-standard,qode-news-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Tell Me You Love Me: alla scoperta del nuovo album di Demi Lovato.

Tell Me You Love Me: alla scoperta del nuovo album di Demi Lovato.

 

Il sesto album della cantante americana Demi Lovato è ora disponibile su tutte le piattaforme e nei negozi di dischi. La cover in bianco e nero preannuncia il contenuto del lavoro: più maturo, tagliente e in un certo senso anche più intimo rispetto agli album precedenti. Il disco è una miscela ben amalgamata di canzoni graffianti, grintose, ma anche di tracce profonde e intense.

  1. Sorry not Sorry, prima traccia dell’album, è stata anche il singolo di apertura della nuova era musicale della Lovato. Si tratta di un’energica canzone rivolta agli haters. Demi ha più volte ribadito durante le interviste che, anche se potrebbe sembrare un brano indirizzato ai suoi ex, non è così.
  2. I toni cambiano immediatamente con Tell Me You Love Me, singolo promozionale dell’album. Questo brano esprime quasi una supplica rivolta alla persona amata. Ci sono giorni in cui c’è bisogno di avere qualcuno. Senza avere nessuno non si è nessuno.
  3. Sexy Dirty Love è invece una traccia più allegra e vivace, con un ritmo che entra facilmente in testa. Demi si libera da ogni freno e parla senza timore di come fantastica su un sexy dirty love.
  4. You Don’t Do It For Me Anymore è una ballad che tocca un argomento particolarmente serio e molto importante non solo nella storia della Lovato, ma anche in quella di molti giovani del giorno d’oggi. La cantante rivolge una lettera a se stessa, a quella Demi del passato che ricorreva ad alcol e droghe per cercare di sfuggire ai problemi e trovare conforto. Ma questi falsi piaceri momentanei non fanno più per lei e Demi se ne allontana.
  5. Daddy Issues si presenta apparentemente come un brano allegro e scoppiettante, dall’aria leggera e positiva. Facendo un ascolto più attento, ci si accorge che non è così. I temi trattati sono molto più profondi di quanto può sembrare all’inizio. Demi racconta dei rapporti problematici avuti con il padre biologico e di come questi abbiano influito sulla sua visione del mondo.
  6. Ruin The Friendship è una traccia più leggera rispetto alla precedente, ma non per questo meno intensa. Con un ritmo molto soft e sexy, Demi si rivolge ad un amico invitandolo ad oltrepassare la linea e quindi rovinare l’amicizia trasformando il rapporto in qualcosa di più, visto che lei non può negare che lui sia tutto ciò che lei pensa.
  7. Only Forever è forse la traccia più struggente dell’intero album. Il fulcro della canzone è l’attesa, un’attesa che, come suggerisce il titolo, dura only forever. Il testo riguarda chi si trova a dover aspettare eternamente il passo della persona amata che invece sembra bloccata e intrappolata dalla paura. Ma cosa succederebbe se non si fosse più disposti ad attendere?
  8. La traccia successiva, Lonely, sembra una sorta di sequel di quella precedente: Demi affronta il tema della solitudine, le parole sono intrise di amarezza e sofferenza e sono rivolte a qualcuno che lascia sola e abbandonata la persona che invece dovrebbe amare, sostenere e incoraggiare.
  9. Cry Baby è un’altra traccia tenue e intensa che mostra la potenza vocale della Lovato. La cantante si congratula sarcasticamente con qualcuno che l’ha fatta piangere, nonostante lei solitamente non sia una cry baby.
  10. Games è un brano a cui molte persone si possono relazionare: chi non si è mai sentito intrappolato da inutili giochetti e ha sperato che la persona amata la buttasse via le pedine della scacchiera e iniziasse a comportarsi in modo trasparente? Il ritmo scoppiettante mette in luce il talento di Demi di sentirsi a proprio agio sia nelle ballads che nelle canzoni più ritmate.
  11. Concentrate è una profonda canzone d’amore che rivela quanto sia confusionaria la prima fase dell’innamoramento, quando non si capisce esattamente quello che sta succedendo: non ci si riesce nemmeno a concentrare.
  12. Il disco si chiude con Hitchhiker, una traccia che si potrebbe definire rilassata, dal ritmo soft, che tratta di un amore che fa impazzire, ma che è comunque piacevole.

 

Con questo lavoro, Demi si è spinta in territori prima d’ora da lei inesplorati, sia per quanto riguarda la musicalità che la scrittura dei testi. Il tentativo è riuscito? Come si dice…ai posteri l’ardua sentenza!

 

 

 

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

#Follow us on Instagram