30 Seconds to Mars al Rock in Rio 2017 - Smash News
5687
post-template-default,single,single-post,postid-5687,single-format-standard,qode-news-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

30 Seconds to Mars al Rock in Rio 2017

30 Seconds to Mars al Rock in Rio 2017

Un weekend pieno di impegno quello che si è appena concluso per i 30 Seconds to Mars. Dopo l’iheartradio music festival 2017, la band è stata nuovamente ospitata all’edizione di quest’anno del Rock in Rio.
Jared, Shannon e Tomo si sono esibiti per circa un’ora con alcuni dei loro pezzi più famosi e alcune cover strumentali. Il concerto si è aperto con Up in the Air a cui ha subito seguito Kings and Queens. Dopo una breve pausa in cui Jared Leto ha interagito con il pubblico mangiando in live il famoso Açaí brasiliano, ha inizio This is War, durante la quale Leto interagisce con il pubblico a tal punto da fargli cantare quasi l’intera canzone. Segue il nuovo singolo Walk on Water: Jared scende dal palco e cammina tra la folla, mentre sul palco Projota, un rapper brasiliano, canta sulle note della canzone. L’ultima canzone prima della pausa è Search and Destroy, dopo la quale il cantante esce di scena lasciando spazio alla strumentale Pyres of Varanasi, accompagnata da uno spettacolare gioco di luci sui toni del bianco, del blu e dell’arancione.

Le luci si riaccendono solo per inquadrare sugli schermi Leto che, dopo essersi imbragato, è pronto a fare l’ormai famoso tuffo nel vuoto per sorvolare la vastissima folla del Rock in Rio. Ritornato sul palco il cantante ringrazia la meravigliosa folla, ripetendo svariate volte obrigado (“grazie”). E giunge così il momento della versione acustica di The Kill, suonata da Jared stesso su un palco dislocato da quello principale con solo un occhio di bue puntato addosso come scenografia. È un perfetto ossimoro in corrispondenza di quello che verrà dopo, ovvero le performances di Do or Die e Closer to the Edge, tra cui verrà inserito un intermezzo strumentale di The Ocean dei Led Zeppelin e di Cowboys from Hell dei Pantera. Jared, infatti, invita diversi fan a salire sul palco insieme a lui, tanto da riempire l’intera scena per il finale sulle note di Closer to the Edge. I fan saltano e ballano insieme a lui e vengono sparati coriandoli per l’intera venue creando un effetto quasi disorientante e magico.
Il concerto si conclude con un grandissimo saluto della band e Jared, attirando l’attenzione su di sé anche grazie ai pantaloni luccicanti e alla maglia rosa shocking, annuncia gli artisti successivi: i Red Hot Chili Peppers.

Beatrice Iato

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

#Follow us on Instagram